PILATES m2o ®

PILATES La storia

Guarda il nostro video PILATES!

Pilates è prima di tutto una persona

Joseph Hubertus Pilates:

Egli ha sviluppato un metodo di allenamento partendo dall’esigenza di allenare e potenziare la sua struttura fisica piuttosto gracile.

 Nasce nel 1880 in Germania nei pressi di Dusserdorf.

 Si avvicina alle più svariate discipline tra cui body building, sci, sport subacquei,boxe, acrobatica e ogni tipo di disciplina atletica fino alle discipline orientali.

 Studia l’anatomia e lo sviluppo muscolare. Posa per la realizzazione di carte anatomiche del corpo umano.

 Nel 1912 si trasferisce in Inghilterra dove diventa istruttore di autodifesa per Scotland Yard.

 Quanto scoppia la Prima Guerra Mondiale, Pilates viene internato a Lancaster ed in seguito sull’isola di Man. Durante questo periodo continua il suo allenamento e organizza l’allenamento dei suoi compagni di prigionia.

 Sono soprattutto i soldati reduci della guerra, feriti, immobilizzati da tempo con cui condivide questa realtà che lo spingono a sviluppare e costruire macchine che potessero aiutare nella riabilitazione.

 Applica delle molle ai letti dei pazienti allo scopo di aiutarli a ritrovare e migliorare il tono muscolare mentre erano ancora allettati.

 Di ritorno in Germania negli anni ’20, prosegue nella realizzazione di macchinari per allenarsi e diventa addestratore fisico del corpo di polizia.

 Conosce Rudolph Van Laban, ideatore di una delle forme di trascrizione di balletti; ed entra così nel mondo della danza diventando un punto di riferimento per l’allenamento dei ballerini.

 Nel 1925 il governo tedesco lo invita ad occuparsi dell’allenamento dell’esercito. Pilates a questo punto decide di trasferirsi negli Stati Uniti d’America.

 Durante il viaggio conosce un’infermiera di nome Clara che diventerà poi sua moglie.

 Nel 1926, Pilates apre a New York il primo studio Pilates, sviluppa il metodo, codifica gli esercizi e perfeziona i macchinari.

 Pilates muore nel 1967 all’età di 87 anni; senza lasciare eredi ufficiali per continuare la sua scuola.

 Sono alcuni allievi che diffusero gli insegnamenti di Pilates apportando però numerose innovazioni alla tecnica.

 Questo spiega le differenze di impostazione delle varie scuole ora esistenti, nonostante tutte si ispirino ai concetti fondamentali del metodo Pilates. 

 

 

PILATES il metodo

Lezioni in studio guarda il video!

IL METODO PILATES

 non è una semplice sequenza di esercizi, ma une vera e propria tecnica basata su una precisa base filosofica e teorica:

 CONCENTRAZIONE:

 Prestare attenzione ad ogni movimento. Ogni parte del corpo ha la sua importanza, nulla deve essere trascurato: tutto il corpo deve essere preso in considerazione durante i movimenti.

 Bisogna essere consapevoli della propria postura mantenuta durante l’esecuzione dell’esercizio.

 CONTROLLO:

 Attraverso la concentrazione bisogna avere il controllo di ogni movimento, poiché muoversi senza controllo può provocare infortuni.

 Nulla deve essere casuale. È necessario tenere sotto controllo non solo il movimento relativo al segmento interessato dall’esercizio ma, contemporaneamente anche la posizione della testa, del collo, degli superiori ed inferiori, delle mani, dei piedi, delle dita, delle spalle, della schiena, del bacino, …

 BARICENTRO (CENTERING):

 Il centro della forza: l’area compresa tra la parte finale della cassa toracica e il bacino (retti addominali, traversi e obliqui; gran dorsali, quadrati dei lombi e glutei). Lo sviluppo di questa area mira al mantenimento della posizione neutra del bacino.

 FLUIDITA’ DEL MOVIMENTO:

 Nei movimenti non ci deve essere rigidità o tensione ma, armonia e grazia. La fluidità deriva dalla forza del baricentro.

 PRECISIONE:

 La precisione permette una corretta sinergia tra le forze dei diversi gruppi muscolari.

 RESPIRAZIONE:

 La respirazione è parte integrante di ogni movimento. Fondamentale.

La storia del pilates spiegata con un disegno animato, english version

Pilates cartone animato!